Skip to main content

Autore: Giada

Estratto di Arance Amare in Agricoltura Biologica

Nel mondo dell’agricoltura biologica, la ricerca di soluzioni sostenibili e naturali per migliorare la salute delle coltivazioni è fondamentale. Un prodotto che ha guadagnato sempre più attenzione negli ultimi anni è l’estratto di arance amare. Questo concentrato ricavato dalle arance amare è noto per i suoi molteplici benefici e per essere un alleato prezioso nella coltivazione biologica. In questo articolo, esploreremo i vantaggi dell’estratto di arance amare in agricoltura biologica e come può essere utilizzato per migliorare la resa e la qualità delle coltivazioni.

Vantaggi dell’Estratto di Arance Amare in Agricoltura Biologica

  1. Pesticida Naturale: L’estratto di arance amare è stato ampiamente riconosciuto per le sue proprietà pesticidi naturali. Contiene composti, come il limonene e il linalolo, che sono efficaci nel respingere gli insetti dannosi per le coltivazioni. Utilizzando questo estratto, gli agricoltori possono limitare notevolmente l’uso di pesticidi chimici nocivi, mantenendo al contempo un ambiente sano per le piante e gli insetti utili (come api e coccinelle).
  2. Antifungino Naturale: Le arance amare contengono anche oli essenziali con potenti proprietà antifungine. Questo fa del prodotto un efficace rimedio naturale contro le malattie fungine (come oidio, peronospora e anche la tanto temuta bolla del pesco) che possono colpire le coltivazioni.
  3. Stimolante della Crescita: L’estratto di arance amare si può utilizzare anche come stimolante della crescita per le piante. Questo concentrato contiene nutrienti essenziali come il fosforo, il potassio e il magnesio, che favoriscono lo sviluppo radicale e la crescita delle piante, aumentando la resa e la qualità dei raccolti.
  4. Biodegradabile e Sostenibile: Un altro vantaggio significativo è la sostenibilità. Si decompone rapidamente nell’ambiente, riducendo l’impatto negativo sul terreno e l’ecosistema circostante. Questo lo rende una scelta ecologica per gli agricoltori che vogliono mantenere gli standard dell’agricoltura biologica.
  5. Compatibile con l’Agricoltura Biologica: L’estratto di arance amare è considerato un prodotto ammesso nell’agricoltura biologica. È conforme ai rigidi standard di certificazione biologica, il che significa che gli agricoltori possono utilizzarlo senza compromettere lo status biologico delle loro coltivazioni.

Conclusioni

L’estratto di arance amare è un alleato prezioso per gli agricoltori alla ricerca di soluzioni naturali ed ecocompatibili per migliorare la salute delle loro coltivazioni. Con i suoi benefici come pesticida naturale, antifungino, stimolante della crescita e la sua compatibilità con l’agricoltura biologica, questo prodotto è una scelta intelligente per promuovere la sostenibilità e la prosperità delle coltivazioni biologiche.

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità e ricevere consigli sull’allevamento e l’agricoltura seguici sui social! Instagram: https://www.instagram.com/agroreroma/?next=%2F Facebook: https://www.facebook.com/agroreroma

In questa sezione https://www.agrore.it/product-category/cura-delle-piante/malattie-delle-piante/ troverai una serie di alternative ammesse in agricoltura Bio per la cura delle tue piante!

Ortoterapia: cos’è e perché fa bene alla salute

Il giardinaggio e la passione per l’agricoltura è un hobby che accomuna molte persone da tantissimi anni. Dedicarsi quotidianamente alla cura di piante e fiori dona una soddisfazione inappagabile. Ma lo sapete che coltivare l’orto è diventata una vera e propria terapia che prende il nome di Ortoterapia?

Ebbene si! Studi recenti dimostrano che l’azione terapeutica svolta dalle piante è un toccasana contro l’ansia che caratterizza la routine quotidiana e si rivela una tecnica riabilitativa in soggetti affetti da malattie, depressi o disabili.

Coltivare la terra fa bene e spesso è il modo per ritrovare sé stessi.

In cosa consiste l’ortoterapia?

L’ortoterapia consiste in stimolare i cinque sensi stando a contatto con la natura. I partecipati alle iniziative si prendono cura dalle piante ancor prima della loro nascita: si occupano della preparazione del terreno alla semina, effettuano i trapianti, irrigano, concimano, accompagnano le colture durante tutto il ciclo di crescita fino ad ottenere la soddisfazione del consumo e della condivisione.

Quali sono i benefici?

Trascorrere del tempo all’aria aperta lontano dalla solita routine, sotto il sole e in compagnia, porta sia a livello fisico che mentale numerosi benefici:

  • Attività fisica: piantare, curare e raccogliere gli ortaggi può essere un’attività fisica sana che aiuta a migliorare la salute e a mantenere il corpo in forma.
  • Riduzione dello stress: l’ortoterapia può aiutare a ridurre lo stress e l’ansia. La cura delle piante e del giardino può essere un’attività rilassante e meditativa che aiuta a ridurre i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, nel corpo.
  • Miglioramento dell’umore: il giardinaggio può anche aumentare i livelli di serotonina e dopamina, i neurotrasmettitori del benessere, che possono migliorare l’umore e ridurre i sintomi della depressione.
  • Connessione con la natura: lavorare in un orto può offrire una connessione più profonda con la natura e il ciclo delle stagioni, che può essere molto gratificante e rigenerante.
  • Soddisfazione personale: coltivare e raccogliere i propri ortaggi può essere un’esperienza molto gratificante che aumenta la soddisfazione personale e il senso di realizzazione.
  • Alimentazione più salutare: mangiare frutta e verdura fresche e di stagione che si sono coltivati personalmente può aiutare a mantenere una dieta più salutare e a ridurre la dipendenza da alimenti trasformati e confezionati.
  • Risparmio economico: Dopo un piccolo investimento iniziale, coltivare i propri ortaggi può essere un modo economico per ottenere prodotti freschi e di alta qualità, senza doverli acquistare al supermercato.
  • Aumento di produzione della vitamina D: Trascorrere il tempo all’aria aperta e il contatto con il sole aumentano la presenza nel corpo della vitamina D

In sintesi l’ortoterapia può essere un’utile pratica per migliorare il benessere fisico e psicologico.

L’agricoltura indica cos’è più e cos’è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. Bisogna toccare la terra.

(Lev Tolstoj)

Ortoterapia e bambini:

Dedicarsi alla coltivazione delle piante è un modo per stimolare la loro curiosità dei bambini con attività manuali che richiedono abilità e attitudini diverse da quelle a cui la modernità tende ad appiattirli.

Sporcarsi le mani, guardare lontano, dedicarsi ad attività di gruppo all’aria aperta consente ai bambini d moderare l’aggressività sperimentando nuove forme di socializzazione e un forte senso di responsabilità.

Ortoterapia ed anziani:

L’ortoterapia è una pratica molto utile sia agli anziani che alle persone aventi qualche disabilità in quanto si tratta di un’attività fisico-manuale che permette loro di riattivare tenersi attivi sia con il corpo che con la mente. La scelta delle colture da seminare, la condivisione con gli altri, la coesione e il lavoro di quadra favoriscono l’assunzione di un atteggiamento propositivo di fronte alle difficoltà quotidiane della vita

Nutrire Polli e Galline in Modo Naturale: L’Importanza delle Vitamine Naturali

L’allevamento di polli e galline può essere una fonte preziosa di uova fresche e carne magra e di provenienza certa per molte famiglie. Tuttavia, per garantire che le tue gallinelle crescano in modo sano e producano prodotti di alta qualità, è fondamentale prestare attenzione all’alimentazione.

In questo articolo, esploreremo l’importanza dell’alimentazione complementare con vitamine naturali per i tuoi polli e galline.

Vitamine Naturali: Il Cuore di Una Buona Alimentazione

Le vitamine sono nutrienti essenziali che svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo e nella salute degli animali da cortile. Mentre molte di queste vitamine sono presenti nella loro alimentazione di base ma è importante assicurarsi che ricevano una varietà di nutrienti per prosperare al massimo delle loro capacità.

Vitamina A per la Visione e la Crescita

La vitamina A è fondamentale per la vista dei polli e delle galline. Aiuta a prevenire problemi agli occhi e contribuisce alla crescita delle piume. Per assicurare che i tuoi animali ricevano una giusta dose di vitamina A, puoi aggiungere verdure come carote, spinaci ed erba medica alla loro dieta.

Vitamina D per Ossa Forti e Uova di Qualità

La vitamina D è cruciale per la salute delle ossa dei polli e per la qualità delle uova che producono. Esponi i tuoi polli alla luce solare naturale o fornisci loro un integratore di vitamina D per garantire che assorbano il calcio in modo efficiente.

Uova dal Guscio morbido o galline che si beccano = Carenza di calcio!

Se allevi avicoli da tempo ti sarà sicuramente capitato di raccogliere uova dal guscio morbido o assistere a degli scontri fra gli animali che beccano sulle ossa degli altri. Entrambe le casistiche denotano una mancanza di calcio nell’alimentazione che può essere integrata sia con le vitamine miscelate sia con i Gusci di Ostrica macinati da somministrare miscelandoli con il mangime.

Vitamina E per un sistema immunitario robusto

La vitamina E è un potente antiossidante che aiuta a mantenere un sistema immunitario forte nei tuoi polli e galline. È presente in semi oleaginosi come l’olio di germe di grano e le noci, che possono essere introdotti nella loro dieta come snack salutari..

Vitamina K per la coagulazione del sangue

La vitamina K è essenziale per la coagulazione del sangue e può aiutare a prevenire emorragie e lesioni nei tuoi animali. Alcune fonti naturali di vitamina K includono l’erba medica, il prezzemolo e le verdure a foglia verde.

Conclusioni

In conclusione, fornire una dieta bilanciata ai tuoi polli e galline è essenziale per mantenerli sani e per ottenere uova e carni di qualità. Con una corretta alimentazione i tuoi polli e le tue galline continueranno a prosperare e a deliziarti con i loro preziosi prodotti.

INSETTI UTILI

Una risorsa da preservare

Tutti gli insetti esistenti sono essenziali per garantire l’equilibrio dell’ecosistema e alcuni tra questi vengono anche impiegati con successo per prendersi cura del proprio orto, infatti sono denominati “utili”, vediamo come!

Cosa sono gli insetti utili / antagonisti

Sono definiti “insetti utili” tutti quegli organismi, come anche acari e nematodi,  che da soli riescono a contrastare la presenza dei parassiti stanziati nell’orto.

Il loro impiego consente di difendere le piante nel modo più naturale ed ecologico possibile, in quanto svolgono il ruolo da antagonisti autonomamente, andando a sostituire l’utilizzo di pesticidi.

Perché introdurre insetti antagonisti

Inserire un insetto antagonista nell’ambiente è utile sia per rimuovere un focolaio di parassiti in corso che per agire in anticipo prevenendolo.

Gli insetti impiegati nel terreno agiscono individuando solo il parassita da combattere e intervengono su di esso fino a sconfiggerlo.
Al contrario, dopo l’applicazione di trattamenti insetticidi vengono colpite indifferentemente tutte le forme di vita che i pesticidi incontrano, anche quelle fondamentali per mantenere il giusto equilibrio ambientale.

Immettere insetti predatori nel nostro orto favorisce prestazioni benefiche di lunga durata, generando protezione assoluta alle nostre piante e di conseguenza si salvaguarda non solo l’ambiente ma anche la conservazione degli altri insetti già presenti nel terreno.

Gli insetti utili già presenti nell’orto

In un terreno ricco di forme di vita, meglio se un orto biologico, è molto più semplice incontrare insetti amici rispetto a campi coltivati a monocoltura.
Infatti, sono già naturalmente presenti una serie di organismi preziosi come api, bombi, lombrichi, coccinelle, forbicine, crisope e diverse specie di sirfidi.

Come inserire un insetto predatore nel terreno

E’ essenziale scegliere con cura in quale periodo liberare gli insetti antagonisti dei quali ci vogliamo avvalere, assicurandoci che sia presente un’ambiente ove reperire prede e riprodursi, con un clima favorevole.

Per favorire la partecipazione spontanea e sempre più corposa di insetti utili occorre curare la presenza di siepi, aree incolte e pietraie, ma in assenza naturale di queste aree possiamo divertirci a costruire loro dei bugs hotel servendoci di legna e sassi.

Quali sono gli insetti utili e quali impiegare

  • Nematodi entomopatogeni utili contro insetti terricoli come larve di maggiolino e oziorrinco.
  • Acari entomofagi per combattere cocciniglia, tripidi, aleurodidi, afidi e ragnetto rosso.
  • Crhysoperla carena per contrastare afidi e cocciniglie.

. . . E molti altri ancora!

Contattaci per conoscere quale insetto impiegare nel tuo orto oppure prenota online sul nostro sito gli insetti predatori che ti occorrono e successivamente recati in negozio per poterli ritirare.
Non si effettuano spedizioni in quanto si tratta di organismi vivi ed è quindi fondamentale salvaguardare la loro esistenza, assicurando un ritiro in tempi brevi privo di spiacevoli conseguenze.

Cosa mangiano i conigli ?

Cosa mangiano i conigli ? Si tratta di una delle domande più gettonate dai nostri clienti soprattutto da quelli che si approcciano ad allevare questi teneri animali per la prima volta. Vediamo insieme di cosa si nutrono questi teneri animali!

I conigli, essendo degli animali erbivori dovrebbero assumere quasi esclusivamente fieno, erba, e vegetali freschi come le carote per esempio. Per rispondere in maniera esaustiva alla domanda “Cosa mangiano i conigli?” bisogna suddividere lo scopo dell’allevamento in:

Conigli da compagnia: Fondamentale per la dieta dei coniglietti da compagnia è il fieno, che dovrà essere sempre disponibile e preferito rispetto tutti gli altri alimenti consigliati. Immancabili saranno anche poi le verdure fra cui dovremmo preferire finocchio, sedano, carote, radicchio e altri tipi di insalata.

Come integrazione all’alimentazione per conigli da compagnia (non in stato di obesità), è possibile somministrare anche del pellet composto di solo con fieno, erbe e vegetali.

Conigli da allevamento

se l’obiettivo è di allevare conigli, per una sana e corretta alimentazione consigliamo di ricorrere al pellet e ai mangimi giù bilanciati che puoi acquistare sul nostro sito.

Tutti i mangimi per animali da cortile venduti da AgroRe’ sono stati ampiamente testati dal nostro esperto staff che saprà indicarne le particolarità di ognuno e quindi consigliare quello maggiormente in linea alle vostre esigenze anche in CHAT!

Siamo giunti al termine di questo approfondimento su Cosa mangiano i Conigli ma vogliamo lasciarvi con un ultimo suggerimento:

Che siano da compagnia o da allevamento nell’alimentazione dei conigli le fibre ricoprono un ruolo determinante in quanto:

  • contribuiscono allo sviluppo di una adeguata flora batterica
  • favoriscono digestione e mobilità intestinale
  • prevengono infezioni e patologie tipiche dell’apparato gastro-intestinale tra cui anche l’obesità.
  • favoriscono anche la masticazione. Aspetto da non sottovalutare dato che i denti del coniglio crescono continuamente (10-12 cm all’anno) pertanto masticare con molta frequenza delle fibre aiuterà gli stessi a consumarsi adeguatamente.

Hai bisogno di ampliare il tuo allevamento? Prenota gli animali sul nostro shop online e ritirali in negozio!

Visita la sezione “Prenotazione Animali” https://www.agrore.it/product-category/animali/ e non perderti nessuna promozione come questa https://www.agrore.it/conigli-da-allevamento/

Invasione di vespe Giganti a Roma

Molte sono le notizie diffuse in merito all’invasione di Vespe Giganti a Roma, scopriamo insieme di cosa si tratta!

Cos’è la Vespa Orientalis

La Vespa orientalis – o calabrone orientale – è un insetto facente parte dell’ordine degli imenotteri .

Come altri vespidi, anche il calabrone orientale possiede un apparato pungitore.

Si tratta di un insetto facilmente riconoscibile grazie alle sue insolite dimensioni rispetto alle vespe che siamo comunemente abituati a vedere.

Il suo corpo di colore bruno-rossastro, può raggiungere i 25-35 millimetri di lunghezza!

Di cosa si nutre e perché è importante proteggersi

Gli esemplari adulti di Vespa Orientalis si nutrono principalmente di nettare, melata e frutti per questo è importante prevenire l’insediamento di afidi nel proprio orto/giardino che conducono la pianta a produrre la secrezione zuccherina di cui si nutrono.

Un’altra fonte di richiamo per le vespe Orientalis sono gli scarti di cibo lasciati all’aria aperta o comunque in luoghi facilmente accessibili all’insetto. C’è chi sostiene, infatti, che l’invasione delle vespe giganti a Roma sia dovuta all’incuria della città e alla constante presenza di una quantità enorme di rifiuti.

Ma perché è così importante prevenire un suo attacco?

Ricordiamoci che si tratta di un mix fra una Vespa e un Calabrone, dunque i suoi attacchi sono particolarmente fastidiosi e dolorosi per l’uomo.

Il veleno di questo insetto è più potente rispetto a quello delle comuni vespe!

Quando l’insetto attacca, l’apparato pungitore si conficca all’interno della pelle, dove rilascia il veleno.

Il pungiglione non rimane incastrato nella cute del malcapitato, ma può essere estratto lasciando l’animale in vita consentendogli di sferrare molteplici attacchi!

Come Prevenire l’invasione delle Vespe Giganti

Evitare di lasciare avanzi di cibo all’aperto è senza dubbio una delle forme di prevenzione più scontate ma efficaci anche se per abbattere del tutto la probabilità di un’incontro ravvicinato con questo insetto dalle dimensioni spaventose, è utile trattare le aree esterne con dei prodotti professionali come quelli presenti nella sezione del nostro sito Disinfestazione – Insetti fra cui consigliamo https://www.agrore.it/prodotto/neo-fortecid-liquido-da-1-lt/

https://www.agrore.it/prodotto/green-microsin-insetticida-contro-zanzare-mosche-cimici/

Per informazioni sulla prevenzione scrivi un messaggio WhatsApp! I nostri esperti sapranno guidarti verso l’acquisto della soluzione più incline alle tue esigenze

Come comportarsi in caso di incontro con una Vespa Orientalis?

E’ bene evitare di fare movimenti bruschi, così come è bene evitare di tentare di scacciare o uccidere l’insetto. Un comportamento di questo tipo, infatti, potrebbe far sì che il calabrone, scateni una “richiesta di soccorso”, spingendo altri esemplari nelle vicinanze ad attaccare.

Il consiglio, quindi, è quello di restare tranquilli e allontanarsi.

Prima di attaccare, la vespa gigante effettua spesso una sorta di volo intimidatorio nei confronti dell’aggressore, per poi desistere nella maggior parte dei casi.

Da qui l’importanza di allontanarsi con cautela evitando scatti e movimenti inconsulti.

Qualora si avvistasse un nido la prima cosa da fare è allontanarsi da esso con cautela. Dopodiché, è necessario contattare la Protezione Civile o le forze dell’ordine del proprio territorio al fine di segnalarne la presenza. Assolutamente da evitare qualsiasi tentativo di rimuovere il nido in autonomia.

Hai bisogno di aiuto?