Skip to main content

Autore: Frank

Alimentazione polli e galline

La qualità delle carni e delle uova di un’allevamento è strettamente correlata all’alimentazione degli animali in questo articolo ci soffermeremo in particolare su quella di polli e galline

La scelta dei nutrienti e delle materie prime ricopre dunque un ruolo cruciale in quanto influenza sia lo stato di salute sia la produzione degli animali stessi.

Nell’alimentazione di polli e galline quanto mangime bisogno somministrare?

La risposta per entrambi è correlata al peso: un pollo con un peso medio di 1,5-2 kg ha bisogno di circa 130 grammi di mangime al giorno, mentre per le galline ovaiole dobbiamo prevedere quantità leggermente superiori rispetto ai polli.

Da cosa è costituita l’alimentazione di polli e galline?

I cereali come grano, mais, orzo ed avena rappresentano la principale fonte di nutrimento di questi animali. Per una questione di praticità in commercio ad oggi sussistono mangimi o misti di granaglie già pronti e adeguatamente formulati per la crescita ottimale degli animali. Se però questa soluzione non ti soddisfa, puoi comunque creare una buona miscela!

Alimentazione polli e galline: Il misto polli

Per l’alimentazione di polli e galline spesso si ricorre all’acquisto del Misto polli ovvero un’insieme di granaglie correttamente bilanciate per l’accrescimento ottimale degli animali.

Ma i misti polli in commercio sono davvero tutti uguali?

Assolutamente no! Così come per l’alimentazione degli esseri umani anche per quella degli avicoli è necessario distinguere i prodotti alimentari in base alla qualità delle materie prime. A tal proposito possiamo distinguere:

MISTI POLLI PROTEICI: ovvero quell’insieme di granaglie dove la percentuale di proteina risulta molto più alta rispetto agli altri misti. La parola proteina spesso viene associata erroneamente al concetto di “non naturalità” anche se in realtà questa percentuale è legata alla maggiore presenza della Soia Proteica un legume molto utile a rendere gli animali forti, resistenti alle malattie ma soprattutto produttivi.

Questi misti sono consigliati soprattutto nei periodi più freddi dell’anno in quanto aiutano gli animali a contrastare gli sbalzi termici, ma anche per migliorare la quantità delle uova in modo del tutto naturale.

MISTI NATURALI: si tratta di una miscela di granaglie di elevata qualità poiché le materie prime sono NO OGM (senza Organismi Geneticamente Modificati

Misto, mangime o ovaiola?

Da sempre questo è un tasto dolente per i nostri clienti che spesso si ritrovano a comperare lo stesso prodotto da anni solo perché “si è sempre comprato quello”.

In realtà bisogna pensare agli animali come pensiamo all’alimentazione di noi esseri umani. È ovvio che un neonato non possa mangiare gli alimenti di cui dispone un adulto. Lo stesso vale anche per gli avicoli!

Ai pulcini si somministra il mangime specifico per il primo periodo di vita miscelato appositamente per il loro accrescimento

(visita il link per visionare il prodotto da noi consigliato https://www.agrore.it/prodotto/purina-buoncortile-mangime-completo-per-pulcini-anatre-tacchini-10-kg-no-ogm/)

Trascorsi 60 giorni, bisogna sostituirlo con il mangime “Secondo Periodo” che li aiuta a sviluppare ossa forti e carni pesanti.

E per i polli più adulti? E le galline?

Continua la lettura e questa volta sarai tu a scegliere cosa è più appropriato per i tuoi animali!

Quali sono le differenze?

Mangime Polli: il mangime polli contiene per lo più PROTEINE E GRASSI ed è fondamentale somministrarlo ai tuoi animali nei periodi di maggiore stress: sbalzi termici, stress da trasporto e di adattamento. Viene fornito in via quasi obbligatoria , inoltre, “ai polletti” dal terzo al quarto – quinto mese di vita.

Mangime Ovaiola: è un mangime che viene somministrato alle galline e ai polli per il loro accrescimento. Come tutti I mangimi contiene PROTEINE E GRASSI ma è arricchito da un’ottima dose di CALCIO E SALI MINERALI in modo tale da permettere alle galline di mantenere ossa forti e di produrre uova dal guscio consistente.

Misto polli: fa parte dei CEREALI mentre I MANGIMI sono una categoria diversa ma essenziale in alcune fasi della vita.

Conclusioni

In conclusione possiamo definire una linea guida nella scelta della giusta alimentazione: misti e mangimi sono le due scelte principali per l’alimentazione degli avicoli.

Si consigliano, i mangimi quando gli animali vengono sottoposti a situazioni di forte stress o sbalzi termici ed I misti per il loro mantenimento dopo I 5 mesi di vita.

Essendo prodotti diversi I misti e I mangimi vengono digeriti in modo differente, pertanto alternarne la somministrazione è fondamentale per mantenere un buon apparato digerente.

La Cocciniglia

Cos’è la cocciniglia

La cocciniglia è un temibile nemico delle piante e non sempre è facile scovarla.  Questo insetto si riproduce prevalentemente per via sessuale attraverso la produzione di uova e si nutre della linfa dei vegetali. Un attacco di cocciniglia può portare, a lungo andare, all’indebolimento strutturale della pianta e con il tempo alla sua morte. Ma vediamo nello specifico di cosa si tratta e come si elimina la cocciniglia dalle piante.

Cosa comporta un suo attacco?

Il modo in cui la cocciniglia infesta le piante è quasi sempre uguale. Partendo da una piccola colonia, la cocciniglia è in grado di invadere tutta la struttura fogliare della pianta, nutrendosi della sua linfa. Durante l’infestazione, produce la melata, una sostanza zuccherine che attira parassiti e funghi. E’ per via delle infezioni subentranti all’attacco di cocciniglia che la pianta generalmente muore.

Attenzione: Tra i funghi che possono instaurarsi sulla pianta a seguito di un attacco di cocciniglia ricordiamo la Fumaggine una delle malattie più diffuse nel nostro territorio. La presenza di questa malattia fungina richiede la combinazione di più prodotti per poter far tornare la pianta in salute. Il trattamento con il solo insetticida, dunque, non è sufficiente.

Come scovarla?

La presenza di formiche può essere un indizio, proprio perché sono molto ghiotte della melata prodotte dal metabolismo della cocciniglia, ma quando questa secrezione viene prodotta potrebbe essere già molto difficile debellarla in modo naturale.

Si può prevenire?

SI, ma nel periodo giusto e con prodotti specifici !

La cocciniglia si instaura nella pagina inferiore della foglia in inverno ma è impossibile scovarla ad occhio nudo date le sue dimensioni microscopiche!!! Per questo è importante agire in tempo quando questo fastidioso insetto si trova in forma larvale. La prevenzione può essere effettuata con prodotti 100% Bio che svolgono un’azione «meccanica » ovvero creano uno strato di protezione sulla foglia che non consente agli insetti di respirare. Essendo un’azione meccanica, però, è necessario ripetere il trattamento seguendo le indicazioni degli esperti.

Miti da sfatare:

Il consigliato lavaggio con sapone di Marsiglia o con del macerato di Ortica è solo utile a fornire un sollievo temporaneo alla pianta infestata in quanto per debellare la malattia ciò non è assolutamente sufficiente. Queste due soluzioni possono essere usate solo come trattamento preventivo ma nel periodo di attacco massivo (Aprile-Maggio-Giugno) non effettuano alcun beneficio alla pianta anzi! Se il lavaggio con il sapone avviene nelle ore calde estive può provocare seri danni alla pianta, per questo vi conisigliamo sempre di rivolvervi a degli esperti certificati.

Quali prodotti e quando utilizzarli?

A questa domanda rispondiamo in linea generale che possono essere utilizzati per il trattamento I seguenti prodotti combinati:

  • 1 Fungicida rameico
  • 1 Curativo ad ampio spettro
  • 1 Olio minerale BIO

Ci teniamo a ricordare però che ogni caso presentato ai nostri esperti sarà trattato come un caso a se:

I nostri addetti alla vendita forniscono sempre delle soluzioni personalizzate in base al grado di infestazione della pianta, alla presenza di altre malattie favorite dall’instaurazione di questi insetti e al numero delle piante da trattare nonchè alla sua fattispecie.

Prima di acquistare un trattamento è sempre consigliato rivolgersi ad un esperto certificate per i dosaggi e altri consigli specifici.

Consulenze per impianti di irrigazione

Grazie alla continua formazione del nostro personale e all’esperienza maturata in oltre mezzo secolo di attività, nel nostro negozio potrai trovare dei tecnici specializzati nella realizzazione di impianti di irrigazione. Fornendo le informazioni riguardanti la metrature, la disposizione del campo da irrigare e le colture interessate, i nostri esperti effettueranno una bozza del lavoro ultimato indicando i materiali necessari.

Analisi Olio

Vuoi sapere se stai acquistando o hai prodotto del vero olio Extra-Vergine di Oliva? Portaci un campione sterile dell’olio, lo analizzeremo e ti forniremo un giudizio completo certificato. Il nostro negozio collabora con un Laboratorio Certificato abilitato ad effettuare analisi di Vino, Olio, Acqua e Analisi del terreno. Per essere riconosciuto Olio Extra Vergine di Oliva questo deve rientrare in dei parametri previsti dalla legge e deve essere certificato da un laboratorio abilitato. Portando presso il nostro negozio il campione potrai ottenere questa certificazione.

Analisi Vino

Vuoi sapere se il vino da te prodotto è pronto per l’imbottigliamento oppure ha bisogno di azioni correttive? Portaci un campione sterile del tuo vino, lo analizzeremo e ti forniremo un giudizio completo certificato. Il nostro negozio collabora con un Laboratorio Certificato abilitato ad effettuare analisi di Vino, Olio, Acqua e Analisi del terreno. Grazie all’esperienza e alla continua formazione in materia, i nostri addetti alle vendite sono in grado di leggere le analisi e di fornire al cliente la soluzione indicata grazie allo studio dei parametri indicati nel certificato. Nell’analisi viene riportato:

• PH
• L’Acidità totale
• L Acidità volatile
• L Acidità fissa
• L Anidride solforosa totale
• L Anidride solforosa libera
• L Anidride solforosa combinata
• L Anidride solforosa molecolare
• Titolo alcolometrico volumico
• Volume Glucosio/Fruttosio
• L Alcool potenziale

Cura del Verde

Hai un problema con le tue piante? Richiedi ai nostri esperti la soluzione! I nostri collaboratori svolgono periodicamente dei corsi per rimanere aggiornati sulle nuove minacce nel campo dell’agricoltura. Ogni anno nuovi insetti e parassiti colpiscono le colture portando nei peggiori casi anche alla morte della pianta stessa. Portandoci un campione o una foto della tua pianta, i nostri ragazzi sapranno miscelare la soluzione più adatta alle tue esigenze anche in base al tuo budget e al numero delle colture colpite dalla malattia. Ogni soluzione è altamente personalizzata e basata su anni di esperienza e formazione sul campo.

Analisi del Terreno

Se hai appena acquistato un terreno oppure intendi acquistarlo e vuoi scoprire quale piante sono più adatte a quella tipologia di terreno richiedi un’analisi certificata! Il nostro negozio collabora con un Laboratorio Certificato abilitato ad effettuare analisi di Vino, Olio, Acqua e Analisi del terreno. Questo tipo di analisi è particolarmente consigliata a coloro che intendono iniziare un’attività di impresa agricola o che intendono coltivare una coltura specifica. Nel certificato riconosciuto per legge verrà indicato anche il piano di concimazione consigliato per ottenere una resa ottimale del terreno. Per poter aderire a questo nostro servizio ti consigliamo di prendere appuntamento con uno dei nostri esperti al numero 0620760650 che ti illustrerà le particolari modalità di esecuzione delle analisi.

Mosca bianca degli ortaggi

Cos’è la mosca bianca degli ortaggi?

Gli aleuroidi o mosca bianca degli ortaggi, sono dei piccoli insetti che si nutrono di grandi quantità di linfa.
Di colore giallognolo tendente al bianco, gli aleuroidi in inverno si presentano sotto forma di uova o nel loro stadio giovanile per questo non sono facilmente visibili ad occhio nudo.
Gli aleuroidi sono soliti a stabilirsi nella parte inferiore della foglia e succhiando la linfa della pianta provocano il suo indebolimento e nei casi più gravi conducono anche alla morte della stessa.

Come riconoscerla?

Nel momento dell’attacco, gli aleuroidi, rilasciano una sostanza appiccicosa chiamata “melata” (foto2) che nel giro di poco tempo porta alla formazione di muffe grigionerastre che prendono il nome di fumaggine (foto 3)

Sarebbe auspicabile riconoscere subito l’insediamento di questi insetti in modo tale da debellarli utilizzando meno prodotti, ma si può comunque intervenire anche dopo il loro insediamento, scopri come cliccando qui.

Quando colpisce?

Il periodo di massimo attacco di questi insetti è fra Marzo ed Aprile, ma date le temperature relative a questo periodo dell’anno l’insediamento può durare fino a maggio.

Come combatterla?

Questi insetti, come già accennato, si presentano istaurano sulle nostre colture già in inverno, pertanto noi di AgroRe’ consigliamo di effettuare un trattamento preventivo al mese da Ottobre a Febbraio con un prodotto rameico e un olio minerale nelle dosi indicate dai nostri esperti. Il trattamento Preventivo presenta numerosi vantaggi:

  • Il trattamento può essere effettuato con prodotti naturali ed ammessi in agricoltura biologica
  • La pianta non viene stressata in alcun modo e NON viene messa in discussione la sua salute!

Se invece il trattamento non viene svolto in via preventiva ci sono due possibilità:
Se abbiamo scoperto l’insediamento degli aleuroidi prima che questi abbiano prodotto la melata (vedi foto 1) si può intervenire utilizzando uno specifico insetticida e per il monitoraggio di possono utilizzare delle trappole adesive

Se invece, l’insediamento è stato scopeto solo dopo che gli insetti abbiano prodotto la melata, bisogna intervenire con un trattamento completo miscelando insetticida specifico, fungicida e olio bianco

La Fumaggine

Cos’è?

La fumaggine è una malattia fungina che si instaura sulle foglie. È caratterizzata da una patina grigio-nerastra ben visibile che provoca seri danni alla pianta in quanto ne reduce le funzioni vitali.

Quali sono le cause?

La fumaggine, è quasi sempre una malattia che si sviluppa secondariamente: può essere causata come conseguenza di un attacco da parte di altri parassiti come la cocciniglia o a seguito di una situazione di stress, ambientale o nutrizionale. Si tratta di una malattia che si espande velocemente, per questo se si hanno piante già infestate nel proprio giardino o terreno è bene trattare anche quelle non infestate in via preventiva.

Attenzione anche ai ristagni idrici! Se la pianta è posizionata in un vaso prima di strapiantarla è sempre di buona regola inserire sul fondo uno strato di argilla espansa per evitare questo tipo di malattie e consentire alla pianta di poter crescere in salute.

Quali piante colpisce?

La fumaggine attacca principalmente:

  • gli agrumi (soprattutto il limone)
  • le piante sempreverdi (alloro, oleandro)
  • piante da appartamento
  • piante grasse (aloe)

Quali prodotti utilizzare?

Per contrastare la fumaggine basta effettuare dei trattamenti ripetuti secondo le indicazioni degli esperti certificati con prodotto a base di rame e zolfo.

Vi ricordiamo però, che una delle cause principali della fumaggine è l’attacco degli afidi che provocando dei fori per nutrirsi della linfa della pianta permettono l’instaurazione della malattia. In questo caso è necessario eliminare la causa che ha portato all’instaurazione della fumaggine ovvero gli afidi. Per contrastare entrambe le malattie, dunque sono necessari:

· 1 Fungicida rameico

· 1 Curativo ad ampio spettro

· 1 Olio minerale BIO

Ci teniamo a ricordare però che ogni caso presentato ai nostri esperti sarà trattato come un caso a se:

I nostri addetti alla vendita forniscono sempre delle soluzioni personalizzate in base al grado di infestazione della pianta, alla presenza di altre malattie e al numero delle piante da trattare nonchè alla sua fattispecie. Prima di acquistare un trattamento è sempre consigliato rivolgersi ad un esperto certificate per I dosaggi e altri consigli specifici.

  • 1
  • 2
Hai bisogno di aiuto?